numeri black friday

Black Friday e Cyber Monday: anche in Italia superano il Natale per i consumi

di Laura Magna

Il Black Friday e il Cyber Monday? Sono i giorni in cui i consumi degli italiani si impennano di più. E dunque presto potrebbero essere il picco delle vendite superando il Natale. Nel 2018, complici promozioni anticipate per clienti affezionati e iscritti a newsletter, le vendite e-commerce durante il Black Friday sono salite, già il giovedì, del 18% rispetto all’anno precedente, mettendo a segno un +13% il “venerdì nero” e un +16% il lunedì riservato all’elettronica, sempre anno su anno. Non solo, ma il Black Friday, con quasi il 70% delle vendite via mobile, si è confermato il giorno dell’anno con il più alto tasso di conversione, ovvero la percentuale di visitatori che hanno effettuato un ordine: 4,5%, contro una media annua che non supera il 2%, specialmente nel caso di piattaforme che vendono prodotti di fascia alta. I numeri sono di Consumers For Digital Payments (C4DiP), un’iniziativa del Movimento Difesa del Cittadino, Assoconsum e U.Di.Con per informare i consumatori e per promuovere i pagamenti elettronici.

Sempre meno last minute

Che le spese natalizie siano sempre meno last minute lo conferma anche la ventiduesima edizione della Xmas Survey di Deloitte, secondo cui solo 1 italiano su 5 aspetterà l’ultima settimana prima di Natale per effettuare la maggior parte dei propri acquisti natalizi (-7 punti percentuali rispetto al 2018), un terzo invece, concentrerà le spese nelle prime due settimane di dicembre. E il 23% si concentra sull’ultima settimana di novembre. In Italia, il 22% dei rispondenti dichiara che spenderà più della metà del budget disponibile durante il Black Friday (12% in Europa). Inoltre, il 93% dei Millennial intervistati procederà ad almeno un acquisto natalizio durante questo evento speciale.

Spendaccioni natalizi

L’Italia, secondo Deloitte, è il terzo Paese che spende di più in occasione del Natale: i 549 euro a famiglia, dietro solo a Regno Unito (639 euro) e Spagna (554 euro) e ben sopra la media europea di 461 euro (+1% rispetto al 2018). La quota maggiore sarà allocata per i regali (40%), seguiti da cibo (28%), viaggi (19%) e festeggiamenti (11%). In particolare, le spese per le attività legate ai festeggiamenti registrano l’incremento più grande rispetto allo scorso anno (+9%), dove gli italiani spenderanno il 41% in più delle famiglie europee. Relativamente alle spese per i viaggi gli italiani spenderanno invece il 35% in più rispetto alla media europea.

acquisti black friday

Saldi estivi e retail fisico impallidiscono

Il Black Friday è uno dei momenti di acquisto molto attesi da consumatori ed esercenti e, da anni, segnalano vendite record. Il confronto dei volumi di spesa tra il Black Friday e i saldi estivi e invernali è impietoso, tanto da imporre una riflessione sull’utilità di quest’ultimi.

commenta Francesco Luongo, presidente di C4DiP. Nel 2018 Zalando e Amazon hanno realizzato vendite record: la piattaforma tedesca ha registrato due milioni di ordini durante la sola giornata del Black Friday, mentre su quella americana le vendite delle piccole e medie imprese sono cresciute del 20% nel mondo. Ben altri numeri per gli scorsi saldi estivi. Partiti lo scorso mese di luglio con previsioni negative, le vendite sono state piuttosto deludenti in tutte le città italiane: le più grandi (Genova, Milano e Roma) hanno registrato contrazioni del -5% rispetto all’anno prima, mentre nei principali centri del sud (Catania, Bari, Palermo e Catanzaro) il calo è arrivato fino al -15%. Flop degli sconti che riguarda in particolar modo i negozi di periferia e i centri commerciali, i quali hanno registrato una diminuzione sia nelle presenze sia nel giro d’affari, mentre outlet e boutique d’alta moda tengono il passo rispetto allo scorso anno.

ecommerce black friday cyber monday

… mentre l’ecommerce vola (soprattutto a inizio inverno)

D’altronde, se I negozi arretrano, l’ecommerce cresce, come sottolinea l’ultimo Osservatorio ecommerce Btoc del Politecnico di Milano, secondo cui a fine 2019 gli acquisti online degli italiani supereranno i 31,5 miliardi di euro, in aumento del 15% anno su anno, grazie al traino dei prodotti (+21%, a 18,2 miliardi), mentre i servizi raggiungono online i 13,3 miliardi di euro (+7%). Fondamentale il ruolo dello smartphone: quasi il 40% del totale eCommerce viene generato su questo canale. Tra i prodotti, crescono bene Food&Grocery (+39%) e Arredamento e home living (+26%). Bene anche alcuni comparti storici come Informatica & Elettronica (+18%, oltre 5 miliardi) e Abbigliamento (+16%, oltre 3 miliardi), mentre i servizi sono spinti da Turismo & trasporti (+8%, oltre 10,8 miliardi).

L’eCommerce B2c in Italia è sempre più rilevante: pur rappresentando ancora “solo” il 7% degli acquisti complessivi spiega infatti oltre il 60% della crescita del Retail” afferma Alessandro Perego, Direttore Scientifico degli Osservatori Digital Innovation - School of Management del Politecnico di Milano.

L’eCommerce è inoltre sempre più percepito come complementare al canale fisico con gli operatori tradizionali che abilitano modelli omni-canale e le cosiddette Dot Com che cercano di stabilire con i clienti un canale di contatto fisico. L’eCommerce gioca poi un ruolo decisivo nel promuovere nuovi modelli di relazione con i consumatori che, pur partendo dall’online, costituiscono un fattore di innovazione che si propaga a tutto il Retail.

Un altro osservatorio della stessa Università, che si focalizza sul fenomeno della multicanalità, rileva che 8 italiani su 10 sono multicanali e il 53% usa servizi di ecommerce (27,8 milioni).

Segnali dal mondo (e rischi di truffa)

Nel resto del mondo dunque il Black Friday tende a dilatarsi nello spazio. l Singles Day di Alibaba ne sono un esempio eclatante, segnando l’avvio della stagione di shopping più lunga dell’anno che parte a novembre con il Thanksgiving, ingloba Black Friday e Cyber Monday e arriva di fatto fino a Natale.

Ma con tutto questo shopping online, c’è un grande rischio. Gli hacker aspettano con impazienza di approfittare di acquirenti frettolosi e poco accorti, freneticamente alla ricerca di buoni affari. Tentano di rubare le loro informazioni finanziarie in qualsiasi modo possibile, e i trucchi diventano sempre più sofisticati anno dopo anno. Questo processo è chiamato 'phishing', perché come il pescatore gettano l’amo in attesa che un pesce abbocchi

avverte Check Point, azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software che fattura 1,6 miliardi di dollari all’anno, dai cui laboratori venti anni fa è uscito il primo Firewall della storia. I ricercatori di Check Point rilevano che gli URL di phishing per lo shopping online sono più che raddoppiati dal 2018. In effetti, il numero è aumentato del 233%. Più di 1.700 domini che sembrano simili al dominio amazon.com sono stati registrati negli ultimi sei mesi. Così l’azienda invita a prestare attenzione a segnali che sono in verità inequivocabili: sconti troppo belli per essere veri, l’incentivo a strane forme di pagamento, come vaglia, bonifici bancari o carte e buoni prepagati, la totale assenza di una politica di restituzione, informazioni sul venditore poco chiare e trasparenti.

Controllare la validità del sito cercando in un database di siti falsi

Niente paura. I metodi per evitare le truffe esistono.

Per il Black Friday vengono spesso creati siti speciali come blackfridayscom.tld e black-fridaywalmart.tld per fornire ai clienti un luogo per verificare che i siti che si navigano siano legittimi

scrive Check Point. E in ogni caso

è bene utilizzare solo metodi di pagamento sicuri: sarà più facile recuperare i soldi e o mettere i soldi in un conto deposito (come con PayPal) fino all'arrivo dell'articolo. Anche evitare acquisti impulsivi può essere di aiuto.

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.