Scritta IOT, Internet Of Things, Internet delle cose

5G: cosa succederà in Italia nel 2020

di Redazione

In questo 2019 che va a chiudersi uno dei temi che più ha incuriosito e scaldato gli animi dei commentatori - anche sulla nostra pagina Facebook- è stato il 5G. Cosa succederà nel 2020?

Il 5G, come riporta Wired, dovrebbe iniziare a muovere i primi passi sul mercato italiano. Aziende come Fastweb, Vodafone e Tim hanno già annunciato i loro piani per le connessioni 5G.

Si chiudono le sperimentazioni a Milano, Prato, L’Aquila, Bari e Matera, sotto la supervisione del ministero dello Sviluppo economico (Mise). Ma cosa cambierà per noi?

Con il 5g diverranno realtà l’intrattenimento in alta definizione sullo smartphone, dai film ai videogame e si trasformeranno industria e terziario: un esempio, la fabbrica connessa alla telemedicina, per un controvalore che, solo in Italia, Ericsson stima in 15 miliardi di euro potenziali al 2030.

Ora è necessario costruire la rete, per raccogliere i frutti della nuova generazione di telecomunicazioni, e rientrare così dei 6,5 miliardi sborsati dagli operatori per aggiudicarsi le frequenze del 5G.

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.