donna calciatrice che calcia a rete un pallone allo stadio

Gender equality nello sport: passo avanti importante

di Redazione

La Commissione Bilancio del Senato ha approvato nei giorni scorsi un emendamento che potrebbe essere un punto di svolta per la storia dello sport femminile.

L’emendamento introduce un esonero contributivo al 100% per tre anni per le società sportive femminili che stipulano con le atlete dei contratti di lavoro e garantiscono tutte le tutele previste dalla legge 91.

Un incentivo importante - ancora non è un obbligo - perché le sportive vengano riconosciute professioniste da un punto di vista contrattuale, acquisendo le garanzie previdenziali e assicurative al pari dei colleghi uomini. Perché la misura sia effettiva le Federazioni sportive devono deliberare in consiglio lo status giuridico per le loro tesserate.

La senatrice del Movimento 5 stelle Susy Matrisciano, co-firmataria dell’emendamento insieme al collega del Pd Tommaso Nannicini, ha commentato

Si tratta di un primo importantissimo passo, proseguiremo in questo percorso per consentire alle atlete italiane di coltivare il proprio talento sportivo in condizione di sempre maggiore parità con i colleghi maschi.

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.