Google Chrome, gestione tab per virtuosi e vittime del multitasking

Google Chrome, gestione tab per virtuosi e vittime del multitasking

di Redazione

Chrome, il browser di Google, dominatore assoluto del web browsing, introduce con l’ultima versione la possibilità di raggruppare le schede, o tab: utilissimo per chi lavora in multitasking.

46 schede aperte!

Arrivate in ufficio, accendete il computer, aprite le mail, lanciate Google Chrome (lo usa circa il 70% degli utenti), date un’occhiata a un paio di siti di notizie e aggiornamenti, vi collegate alla intranet, arriva un WhatsApp dei figli che vi ricordano di acquistare l’inchiostro per la stampante e andate su Amazon, un collega vi segnala il sito di un concorrente…

Senza che ve ne accorgiate avete già 13 schede aperte sul vostro browser e sono solo le 10.

Ci sono i virtuosi che vantano record di 46 schede aperte, ci sono quelli che ogni 10 schede aprono un browser diverso e infine gli esasperati, che a un certo punto chiudono tutto e tanti saluti. Peccato che in quella selva di schede ce ne fosse una dove stavano scaricando da due ore un file pesantissimo con We Transfer.

Se la scena vi è familiare, troverete utilissima la funzionalità per il raggruppamento delle schede, o tab, introdotto da Chrome nella versione 85.0.4183.102, da poco disponibile anche in Italia.

Google Chrome, che versione ho?

Fin dal suo lancio, una delle caratteristiche più apprezzate di Google Chrome è stato l’aggiornamento automatico. Magari Chrome non è il massimo per la privacy, ma in linea di massima è sempre aggiornato all’ultima versione.

Per torgliervi ogni dubbio cliccate sui tre puntini in alto a destra, scendete alla fine del del menu che si apre e cliccate su Guida, quindi su Informazioni su Google Chrome. Si aprirà una scheda, l’ennesima, con tutte le informazioni sullo stato di aggiornamento. Al 99% vi dirà che Chrome è aggiornato, diversamente seguite le istruzioni.

Come raggruppare le tab di Google Chrome

Ora che avete verificato di essere aggiornati alla versione 85.0.4183.102. o successive, potete testare la funzionalità raggruppa tab, annunciata ad aprile ed attesissima dai virtuosi, e dalle vittime, del multitasking.

Con il click destro su un tab troverete tra le opzioni Aggiungi scheda a nuovo gruppo. Scegliendo questa opzione compare un pallino, inizialmente grigio, alla sinistra della tab. A questo punto abbiamo creato un gruppo e possiamo raggruppare le schede trascinandole sul pallino.

Con click destro sul gruppo, cioè sul pallino, possiamo:

  • decidere un nome per il gruppo per identificare l’attività
  • assegnare un colore al pallino
  • aprire una nuova scheda nel gruppo
  • separare le schede
  • eliminare il gruppo
  • spostare il gruppo in una nuova finestra, utilissimo per organizzare al meglio il lavoro

Con click destro sulle singole schede possiamo:

  • aggiungere la scheda a un nuovo gruppo
  • rimuovere la scheda dal gruppo

Manca la possibilità di comprimere le schede

La funzionalità per il raggruppamento risulta utilissima all’organizzazione del lavoro ed è accompagnata da un aumento del 10% nella velocità di passaggio da una tab all’altra.

La possibilità che ancora manca, benchè Google l’avesse annunciata già a maggio, è quella di espandere o comprimere i gruppi di tab con un solo click per rendere più agevole il lavoro e lo spostamento tra le tab all’interno dello stesso gruppo.

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.