studente universitario al computer

Un insegnante è diventato miliardario grazie all’e-learning

di Redazione

In questi giorni di emergenza coronavirus tantissime realtà, del pubblico e del privato, si sono viste costrette all’utilizzo della tecnologia per continuare a garantire un servizio e una continuità nel lavoro.

Nel mondo della scuola applicazioni come Google Classroom stanno permettendo a milioni di studenti di continuare - seppur in modo radicalmente diverso - il percorso scolastico.

Ma c’è chi ha capito il potenziale dell’e-learning già da molti anni, come ad esempio Byju Raveendran, un insegnante indiano che grazie alla sua app è diventato miliardario, come racconta Forbes.

L’app fondata Byju nel 2006 insegna il metodo di studio testato con successo dall’insegnante nei suoi anni da tutor universitario e nelle lezioni private.

Il sistema di apprendimento online, dal nome dell’omonimo fondatore, Byju's, non solo ha una valutazione sul mercato di 8 miliardi di dollari, ma potrebbe avere un impatto incredibile sul paese natale di Byju, l’India. All’inizio l’app offriva lezioni per superare i test di ammissione universitari, dal 2015 offre tutoraggio per scienza e matematica.

Oltre 42 milioni di persone hanno scaricato l’app, che ha una versione gratuita e una a pagamento (quota annuale tra i 150 e i 200 dollari). Racconta l’insegnate imprenditore a Forbes

Questa non è un’azienda che ho iniziato come impresa. È una passione che ha finito per diventare un business. Nel 2020, la popolazione indiana sarà la più giovane del mondo con un’età media di 29 anni. Con 270 milioni di bambini già iscritti a scuola, l’India ha anche il più grande sistema scolastico del mondo. Ciò indica che presto, come nazione, avremo una delle forze di lavoro più giovani e saremo pronti a raccogliere i frutti di questo dividendo demografico. Il vero divertimento non è nel creare un’azienda da miliardi di dollari, ma nel cambiare il modo in cui milioni di persone pensano e apprendono.

Tra i finanziatori dell’app ci sono i coniugi Zuckerberg e il fondo sovrano del Qatar.

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.