Le vacanze distanziati? Si fanno in villa!

Le vacanze distanziati? Si fanno in villa!

di Redazione

Le indicazioni che arrivano dalle piattaforme di ricerca e prenotazione on line non lasciano dubbi. Per il 2020 la soluzione più ambita è la villa isolata, dove trascorrere una vacanza a contatto con la natura, all’insegna del relax, lontani anche solo dalla tentazione dell’assembramento, in famiglia, o tuttalpiù con una ristretta cerchia di amici modello Decameron.

Che si tratti di ville extra lusso a picco sul mare, prestigiose dimore storiche, o di una più abbordabile unità indipendente in antichi casolari e fienili recuperati alla buona, le parole d’ordine sono piscina, giardino e completa autonomia.

Nei filtri applicati dagli utenti durante le ricerche sulle varie piattaforme on line, la presenza di una piscina ha scalzato il wi-fi dal trono del plus più richiesto. Isolamento, ma con tutti i comfort: sembra essere questa la ricetta vincente.

A fare le spese di questo boom delle case in affitto, sembra inevitabile che saranno principalmente le grandi strutture alberghiere e le località turistiche che proprio sull’aggregazione e sullo “struscio” serale hanno costruito il loro successo.

Vicini a casa? Ancora meglio!

Due ulteriori tendenze che sembrano emergere sono la richiesta di affitti lunghi e possibilmente non troppo distanti dal luogo di residenza, il cosiddetto turismo di prossimità.

Da un lato l’incertezza riguardante le restrizioni porta ad essere prudenti. Dopo anni trascorsi a sognare mete lontane ed esotiche, gli italiani sembrano pronti a fare di necessità virtù, dedicandosi alla scoperta delle “perle” dietro l’angolo, quelle di cui hai sentito parlare tante volte, ma alla fine non ci sei mai andato.

Dall’altro, con molte aziende che rimarranno aperte protraendo lo smart working per recuperare il più possibile, l’affitto lungo e vicino sembra il miglior compromesso per non rinunciare a un po’ di meritato benessere: giacché dovrò andare avanti a lavorare meglio trovarsi un bel posto per farlo o dove poter raggiungere comodamente il resto della famiglia nei fine settimana.

#iorestoacasaconpiscina

Che si tratti della casa in città o della seconda casa, un vero boom è quello delle attrezzature per rendere le nostre solite case più indipendenti e confortevoli. Qualche esempio? La ricerca di piscine da esterno per bambini registra una crescita di oltre il 450% e i mobili da giardino di oltre il 300%.

Barca o camper le alternative radicali

La villa dei tuoi sogni è fuori portata e le altre sono tutte affittate? Le due principali alternative per una vacanza a prova di distanziamento sono la barca e il camper.

La vacanza in barca non è certamente alla portata di tutti, ma se le pretese non sono eccessive il costo si avvicina a quello di un albergo di buon livello e una volta a bordo si può adottare uno stile frugale ed economico.

Mal di mare? It’s camper time!

Per gran parte dei modelli di Camper basta la patente B e una volta partiti l’autonomia è assicurata. Certo non siamo un paese camper friendly e le strutture a supporto di questo stile di vacanza non sono paragonabili a quelle dei nostri vicini europei.

Ma ormai chi può dirlo, questa pandemia ci ha abituati a tutto. Dopo essere diventati un popolo di smart worker, virologi e runner, perchè non dovremmo diventare un popolo di camperisti?

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.