un manager che si tappa le orecchie

Manager: ecco i 4 errori da non fare

di Redazione

Trasmettere la cultura aziendale, lavorare sulla inclusion-diversity e fare employer branding (ovvero trattenere i migliori talenti in azienda): sono queste alcune delle sfide più importanti che un manager deve affrontare. I dettagli spesso fanno la differenza. Come sottolinea Forbes

le aziende spendono miliardi in formazione sulla leadership ma “dimenticano” di creare esperienze eccezionali per i collaboratori.

Una ricerca condotta dalla Dale Carnegie Training su oltre 3.300 intervistati in 14 paesi, dice che:

  • solo il 17% dei dipendenti si sente soddisfatto del proprio lavoro
  • il 16% sta cercando una nuova occupazione
  • più di un quarto degli intervistati cercherà un nuovo lavoro entro il prossimo anno

Se come dicono i dati 3 dipendenti su 4 vogliono cambiare lavoro, capiamo bene quanto siano rare le leadership capaci di coinvolgere “cuore e mente dei collaboratori”.

Le aziende di successo hanno prima di tutto questa capacità: al contrario, dove manca questa leadership, i costi e le conseguenze sono pesantissime. Secondo le ricerche del Massachusetts Institute of Technology, i costi associati al turnover dei dipendenti possono arrivare al 150% del pacchetto remunerativo annuale del personale uscito. Se lo moltiplicassimo per il 75% di quelli che stanno cercando un altro impiego, ci troveremmo già a un passo dalla bancarotta. Vediamo dunque quali sono i 4 errori da non commettere:

  • Non mostrare apprezzamento: il 76% dei lavoratori si sente più ispirato e motivato se il capo esplicita apprezzamenti sinceri per il lavoro svolto
  • Non riconoscere i propri errori: solo il 40% dei manager lo fa, dimostrazione di onestà e coraggio e gesto capace di motivare enormemente chi lavora.
  • Non ascoltare: come abbiamo già scritto commentando il libro di Dan Ariely, le persone vogliono sentire che il loro contributo fa la differenza per l’azienda. Bene, l’ascolto attivo è il primo passo per dimostrarglielo.
  • Incoerenza: la fiducia costituisce l’elemento fondamentale, vedere quindi un capo che dice una cosa e si comporta in altro modo è il peggior modo di condurre un azienda. Quello che fai parla molto di più di quello che dici.

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.