Logo del cavallino della Ferrari

Quali sono le 10 aziende italiane dove si lavora meglio (secondo Forbes)?

di Redazione

Nella World’s Best Employers 2019 ci sono 10 aziende italiane, all’interno delle 500 a livello globale scelte dalla rivista Forbes. La classifica è stata stilata grazie alla collaborazione di Forbes e Statista che hanno prodotto

la lista annuale dalle 2.000 più grandi aziende quotate del mondo, individuate sulla base di un sondaggio globale sull’occupazione. Agli intervistati è stato chiesto di valutare il proprio datore di lavoro e la probabilità di raccomandare quest’ultimo a un amico o a un familiare.

10 aziende italiane dove si lavora meglio

Veniamo alle aziende italiane in classifica, in ordine:

  • Ferrari (59)
  • Snam (110)
  • Enel (190)
  • Poste Italiane (191)
  • Leonardo (258)
  • Terna (298)
  • Credem (395)
  • Unipol (398)
  • Intesa Sanpaolo (413)
  • Saipem (432)

A livello globale invece al primo posto per il terzo anno consecutivo c’è Alphabet (Google), seguita da Microsoft e e Red Hat (fornitore di software open source), seguito da Apple e dalla multinazionale del software SAP.

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.