Spalti virtuali per l’NBA grazie a Teams

Spalti virtuali per l’NBA grazie a Teams

di Redazione

La soluzione NBA per superare l’impossibilità per il pubblico americano di accedere agli stadi, passa per l’utilizzo di maxischermi e Microsoft Teams.

Protagonista di questa operazione è la funzione together mode dell’applicazione di comunicazione e collaborazione a distanza Microsoft Teams.

“Together mode” di Microsoft Teams

Questa modalità permette di mettere insieme centinaia di persone nella stessa “stanza”. A questo punto le stanze vengono trasmesse su maxischermi alti 5 metri disposti attorno al campo da gioco, in pratica ricreando degli spalti virtuali da quali sostenere la propria squadra ed incitare i giocatori.

Stadio reale, pubblico virtuale

Grazie a questa soluzione il giocatore che andrà in lunetta vedrà i volti dei tifosi trasmessi sul maxischermo alle spalle del canestro. Espressioni, gesti e reazioni verranno video trasmesse da remoto e faranno da sfondo alle azioni in campo.

Nel frattempo, “in curva”, gli spettatori potranno interagire tra loro mentre assistono alla partita.

Il tutto in una struttura in effetti vuota.

Non sarà come uno stadio pieno, ma i giocatori dal campo e gli spettatori da casa recupereranno, se non altro attraverso la sua rappresentazione, un po’ di quel di quel clima da stadio che in qualche modo è l’anima dello sport professionistico.

Le potenzialità dell’esperimento

La posta in gioco non è da poco. Da un lato si sta sviluppando una soluzione con un suo preciso senso in questa situazione d’emergenza. Dall’altro, anche senza Covid, la possibilità di virtualizzare la presenza ad eventi live, offrendo ai partecipanti un’esperienza diversa dalla tradizionale visione televisiva, ha un enorme e intuibile potenziale.

E’ facile immaginare un futuro non molto lontano in cui potremo pagare, oltre che per vedere una partita allo stadio o in televisione, per vederla in uno stadio virtuale, magari indossando un visore 3d in compagnia degli avatar dei nostri amici.

Ed è sicuro che a un certo punto saremo in grado di virtualizzare anche i giocatori e la palla.

Il risultato? Tutti in prima fila, quando non addirittura in campo, con la possibilità di stare in lunetta al fianco del nostro campione mentre tira un libero decisivo per la stagione, magari pagando un extra o in quanto vincitori di una lotteria.

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.