stampante 3d che stampa pelle e cura cicatrici e ustioni

@University of Toronto news

La stampante 3D che promette di curare ustioni e cicatrici

di Redazione

Uno studio pubblicato sulla rivista Biofabrication fa letteralmente sognare. L'oggetto al centro della ricerca è una stampante 3D, che potrebbe rivoluzionare il mondo della cura delle ferite sulla pelle: cicatrici e ustioni non saranno più “indelebili”?

Vediamo come funziona. Il macchinario, messo a punto da un team di ricerca canadese coordinato dal professor Axel Günther, docente presso l'Istituto di Ingegneria Biomedica e dei Biomateriali, sarebbe in grado di "stampare" la pelle sulle ustioni. Oltre alla guarigione delle ferite, il bioinchiostro rilasciato aiuterebbe il sistema immunitario e ridurrebbe l’infiammazione.

La procedura sperimentale si basa su un particolare bioinchiostro a base di cellule mesenchimali stromali. Come riporta Biofabrication, i primi test sui maiali hanno dato risultati incoraggianti, che fanno ben sperare per l’applicazione futura sugli esseri umani.

Il dispositivo ha depositato con successo i ‘fogli di pelle' sulle ferite in modo uniforme, sicuro e affidabile, e gli strati sono rimasti in posizione con un movimento minimo

ha dichiarato il coautore dello studio Marc Jeschke, direttore medico del Ross Tilley Burn Center.

Potrebbero interessarti:

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.