La Marzocco, dal 1927 macchine da caffè artigianali apprezzate in tutto il mondo

Con 18.000 macchine l’anno, realizzate a mano dai suoi artigiani e vendute in oltre 100 paesi, La Marzocco di Firenze rappresenta una grande storia di successo nel mercato delle attrezzature professionali per il caffè. Ce ne parla Massimiliano Valenti CFO de La Marzocco International.

Nome, cognome e ruolo in azienda.

Sono Massimiliano Valenti, sono entrato in azienda nel 2004 come Business Manager, quando ancora La Marzocco era una realtà molto piccola con 20 dipendenti e da lì sono cresciuto con l’azienda, fino a diventare CFO nel 2018.

Che realtà è oggi La Marzocco?

La Marzocco, nata a Firenze nel 1927, è oggi una realtà con 400 dipendenti, che produce 18.000 macchine l’anno e vende in oltre 100 paese, ma che nonostante i grandi numeri non ha rinunciato alla filosofia che ne ha decretato il successo: ogni macchina è realizzata su ordinazione, prodotta a mano dai nostri artigiani, per offrire ad ogni cliente un pezzo unico capace di soddisfare appieno le sue esigenze estetiche e funzionali.

Quale mestiere voleva fare da bambino?

Da ragazzino volevo fare il calciatore. Ero bravo davvero e a 14 anni mi aveva comprato la Fiorentina, ma siccome giocavo anziché studiare e rischiavo di perdere l’anno mio padre decise di togliermi dalla squadra per farmi concentrare sullo studio. E così la mia carriere calcistica non è mai decollata…

La Marzocco, dal 1927 macchine da caffè artigianali apprezzate in tutto il mondo

Cosa porta con sé di quel sogno?

Del calcio mi piace lo spirito, il gioco di squadra, il team, l’idea che quando si indossa una maglia si è tutti uguali e si lavora per un unico obiettivo, remando nella stessa direzione. In questo senso il calcio è una scuola di vita, ti insegna valori importanti che permettono di affrontare e vincere sfide anche in altri contesti.

Cosa significa per lei avere successo?

A livello personale il successo si misura nella capacità di ispirare gli altri, esercitando un esempio positivo. A livello aziendale il concetto non si discosta tanto, un’azienda ha successo quando i competitor la vedono come un benchmark, quando ne imitano le best practices.

Da cosa nasce il successo de La Marzocco e su quali valori puntate per il futuro?

La Marzocco ha successo perché è riuscita a far crescere i suoi numeri senza disperdere i valori che il suo fondatore, Giuseppe Bambi, mise nel DNA dell’azienda fin dal 1927: unicità, qualità e innovazione. La Marzocco, che nel 1939 progettò e brevettò la prima macchina da caffè con caldaia orizzontale, che ancora oggi è uno standard nel settore, non ha mai smesso di portare innovazione in tutti gli aspetti che caratterizzano il prodotto. Dai materiali alla tecnologia al design, siamo impegnati in un costante flusso di scambio tra chi costruisce la macchina e chi la utilizza.

La Marzocco, dal 1927 macchine da caffè artigianali apprezzate in tutto il mondo

Partiamo dall’acciaio inossidabile chirurgico, segno distintivo de La Marzocco, per arrivare al piacere di una grande caffè, realizzato con le migliori attrezzature professionali prodotte a mano su ordinazione: questa unicità determina il nostro successo. Per il futuro puntiamo su quattro valori chiave: rendimento, impatto, durata e reputazione.

Rendimento: essere consapevoli delle responsabilità generali. Favorire l’innovazione e la creatività. Esplorare gli orizzonti della tecnologia e del design. Impatto: creare prodotti eccellenti. Coltivare un luogo di lavoro innovativo, dove le persone sono inspirate a dare il loro meglio. Proteggere il nostro pianeta. Durata: superare le aspettative di coloro che hanno in origine dato vita all’azienda. Un ente autonomo la cui grandezza si consolida attraverso la continuità manageriale. Reputazione: essere riconosciuti all’interno della nostra comunità come un esempio di eccellenza. Agire come cittadini globali.

Che ruolo ha Grenke in questo successo?

Grenke ha supportato la crescita del nostro business dal 2014, quando eravamo una realtà più piccola, e l’ha fatto come partner finanziario con il noleggio operativo di tutte le attrezzature IT per i nostri uffici. Noi stessi, inoltre, offriamo ai nostri clienti la possibilità di acquisire le nostre macchine professionali con la formula della locazione operativa fornita da Grenke. Si tratta di un triangolo di pay-per-use: noi produciamo lo strumento, i nostri clienti lo noleggiano e lo utilizzano nei loro Bar, Grenke ne detiene solo la proprietà.

Il vantaggio per i clienti è significativo: non devono fare un grosso investimento, ma pagano un semplice canone, che in più è deducibile a fini IRES e IRAP, perché stanno usufruendo di un bene e non ne sono i diretti proprietari. È un modo diverso e smart di investire le proprie risorse che di solito, sono limitate.

La Marzocco, dal 1927 macchine da caffè artigianali apprezzate in tutto il mondo

Quali caratteristiche ricerca nei suoi collaboratori?

Onestà, responsabilità e autonomia. Per noi è molto importante contare su persone motivate, che non sono misurate per le 8 ore lavorative ma per la responsabilità verso i progetti, gestiti con la stessa cura e precisione che ritroviamo nelle nostre macchine da caffè.

Un suggerimento per i giovani che vogliono scrivere la loro storia di successo?

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neppure un giorno.

Lo disse Confucio ed è vero. Trovare la passione ti fa dare il meglio. Se riesci a far fare alle persone il lavoro che le appassiona, le attività per cui hanno una naturale predisposizione, allora avrai sicuramente un’azienda in cui le persone sono motivate ed entusiaste.

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neppure un giorno

Massimiliano Valenti, CFO de La Marzocco International, racconta a My Business Lab il successo della storica azienda produttrice di macchine da caffè artigianali.

Metti una marcia in più al tuo Business!

segui l'esempio di tanti colleghi imprenditori, segui My Business Lab!

Lucia Bussi

Lucia Bussi

Responsabile Filiale Grenke Como


Ciò che fa la differenza è la possibilità di investire il capitale su ciò che è davvero strategico per il business, senza immobilizzarlo su ciò che strategico non è.

Matteo Azzoni

Matteo Azzoni

Responsabile Filiale Grenke Brescia


La possibilità di rinnovare i tuoi beni quando vuoi, lavorando sempre con le attrezzature più aggiornate, è un vantaggio strategico determinante.

Fabrizio Mantovani

Fabrizio Mantovani

Business Development & Support Director MBE


La sfida è riuscire a sviluppare un secondo business che sviluppi l'offerta alla clientela sfruttando il più possibile l’organizzazione e le risorse del business principale.

Antonio Baldan

Antonio Baldan

CEO, Baldan Group


Per poter dirigere un gruppo bisogna avere prima esperienza del lavoro dei propri collaboratori. Non si nasce “imparati”.